domenica 21 novembre 2010

Opposti estremi

Alla vigilia della Garda Trentino Half marathon, gara che avrei voluto fare ma che ho dovuto cancellare, sono andato a Riva del Garda per salutare gli amici, tra cui i miei compagni di squadra Ivan e Giuseppe.
Una pazzia andare e tornare tutto solo il sabato sera fino a Riva del Garda? Sarà, ma quella serata mi ha davvero dato tanto: amici veri, gente semplice e spontanea. Una pizzata in loro compagnia mi ha fatto un enorme piacere. Eravamo in tanti e variegati, atleti che non osano neppure definirsi tali e che hanno tempi sulla mezza attorno se non oltre le due ore ed atleti veramente d'elite, capaci di chiudere la mezza in poco più di 1 ora ma che non hanno disdegnato di condividere una bella serata con tutti gli altri, con tanta umanità e semplicità. Così mi piace, così dovrebbe essere lo spirito autentico dello sport.

Venerdì sera, al contrario, ho avuto quello che immagino sia stato l'ultimo incontro con alcuni iscritti alla mia società. Come previsto è stata una serata ad alta tensione e a un certo momento mi ha addirittura attraversato un attimo di terrore quando immaginavo che sarebbe bastato un nulla perchè qualcuno, più esaltato del solito, mi mettesse le mani addosso! I migliori (atleticamente parlando) se ne vanno, escono dalla mia società e ne fondano un'altra perchè non condividono più i valori su cui abbiamo fondato la società. In realtà se ne vanno perchè offesi da alcune mie affermazioni, scritte anche in questo blog. Io pensavo di avere chiarito e di aver già fatto un passo avanti, invece sono riaffiorate situazioni addirittura di due anni fa. Basta poco a distruggere, non solo un gruppo ma anche una possibile amicizia. Peccato davvero....
Rimarremo in pochi ma andremo avanti lo stesso. Sarà più difficile raggiungere buoni risultati sportivi ma ne gioverà, spero, il clima di amicizia che finalmente potrà svilupparsi.
Ne riparlerò.
Buone corse amici.

6 commenti:

  1. In bocca al lupo Ale. A volte le cose che possono sembrare dannose, si rivelano con il tempo dei veri colpi di fortuna ;) Spero che così sia per te!

    RispondiElimina
  2. non vorremmo mai trovarci in certe situazioni,specialmente quando ad unirci sono le passioni per uno sport basato sull'amicizia e sulla più leale competività, ma se non c'è la volonta di venirsi incontro per risolvere i problemi e il rancore prevale sulla ragione non c'è niente da fare che andare ognuno per la propria strada.
    Passata la tempesta il sereno porterà la voglia di ricostrurire meglio di prima quanto è stato rovinato.In bocca al lupo.

    RispondiElimina
  3. Ciao Ale passavo per un saluto.

    RispondiElimina
  4. "La follia è molto rara negli individui, ma nei gruppi, nei partiti, nei popoli, nelle epoche è la regola."
    Non molto tempo fa, in un altro settore, ho mollato un gruppo creato da me e con tanta passione.. ma appena mi sono accorto dell'inevitabile verità di questa frase.. ho lasciato le redini!
    Preferisco rimanere INDIVIDUO!
    Ciaooo Ale!

    RispondiElimina
  5. Ogni tanto rompere un'aggregazione consente una crescita salutare ad entrambe le fazioni

    RispondiElimina
  6. Addirittura venire alle mani? Lo sport dovrebbe essere aggregazione prima e risultati poi. Non siamo mica professionisti! Vedrai che andrà meglio per il tuo gruppo.

    RispondiElimina

Lasciami un tuo commento, te ne sarò grato.