giovedì 31 dicembre 2009

Buon anno 2010

Va oggi in archivio uno splendido 2009. Un anno che mi resterà nel cuore in modo speciale perchè in questo 2009 sono diventato maratoneta.
Ho disputato due maratone (Roma e Venezia), 10 mezze maratone e altre 25 gare tra competitive e non competitive.
L'elenco completo lo conservo qui.
Spero di poter proseguire anche nel 2010, intanto lascio qui alcune foto che mi fanno rivivere emozioni vissute e adrenalina pura....
Buon 2010 a tutti.

mercoledì 30 dicembre 2009

30 dicembre: giro dei boschi

Ultimo (?) allenamento di questo straordinario 2009 (podisticamente parlando). Appena sveglio (alle 5.40) ho notato che c'era bagnato fuori e istintivamente ho pensato che avrei fatto meglio a starmene a letto ancora un pò ma subito ho gettato via quel diavoletto e mi sono preparato ad uscire. Non pioveva, c'era solo una leggerissima polvere di umidità e il cielo era coperto e sono partito. Destinazione il solito giro verso Calino e i boschi ma stavolta in senso contrario rispetto a ieri. Non ho incontrato anima viva, mi sembrava di essere l'unico vivente dell'universo, una sensazione insieme strana e bella. Puntavo alle remote e tremule luci che indicavano il cammino mentre l'assenza di stelle rendeva ancor più buio il buio ma ormai il buio non mi fa paura quando corro.
In totale ho fatto 8,65 Km in 44'33" - media 5'09"/Km.
[dettagli su garmin connect]
E oggi chiudo pure con il lavoro, mi prendo qualche giorno di ferie (arretrate) approfittando del lungo ponte pre e post Epifania. Si riprende l'11 gennaio ma nel frattempo cercherò di non perdere il "vizio" della corsa e dell'aggiornamento del blog. Buon anno a tutti.

martedì 29 dicembre 2009

29 dicembre: e stavolta ci siamo!

Ho rimandato per tanto tempo la buona abitudine di correre al mattino presto con la scusa del freddo, del buio e di altre mille motivazioni che, prese tutte insieme, non avevano nessun senso se non quello di dire che, beh, sì, insomma... mi stavo impoltronendo. Allora ieri sera, dopo una giornata passata a combattere i rigori del freddo (in ufficio il riscaldamento era "out" e così oggi) ho preparato per bene l'occorrente per iniziare bene la giornata con una corsetta.

Ho deciso di fare il giro dei boschi di Calino rientrando dal paese, in tutto poco meno di 9 Km ma con una bella salita nella prima metà parte. Freddo sì, ma sostanzialmente accettabile, ho impiegato un paio di Km per ingranare un'andatura abbastanza regolare e mi sono goduto la mattinata. Era buio ma il cielo stellato e qualche lucina accesa qual e là accanto alle cascine mi hanno permesso di correre senza problemi. Ghiaccio ce n'era ma meno di qualche giorno fa.
Sono rientrato soddisfatto, non tanto della "prestazione" quanto della ritrovata voglia di uscire a correre prima dell'alba, e ho ritrovato le belle sensazioni che aiutano a iniziare bene la giornata.
[dettagli su Garmin Connect]

Intanto ieri ho verificato sul sito della maratona di Roma la mia iscrizione e ho trovato il numero di pettorale: 6038.
Quest'anno avevo 11769, dunque un bel passo avanti è stato fatto.....mmmmhhhh illuso, è adesso che iniziano i giochi e allora.... sotto col lavoro duro, questo molliccione occorre ritrasformarlo in maratoneta, ci riuscirò?

lunedì 28 dicembre 2009

Difficile ricominciare...

Le feste sono sempre aspettate e gradite perchè si interrompe la routine quotidiana fatta di impegni, doveri, stress, abitudini e ci aprono a una doverosa riconquista di noi stessi, però...però... io non sò voi ma dopo tre giorni di festa preceduti da giorni di preparazione, insomma... ho in parte per forza, in parte per scelta, dovuto abbandonare la corsa col risultato che poi a riprendere è stata dura, come previsto.
Dal 16 al 26 dicembre la mia agenda segna impietosamente "zero" Km di corsa.

Il giorno di Santo Stefano ho dunque raccolto le mie residue energie e mi sono fatto un 12 Km a ritmo lento, molto lento, per favorire lo smaltimento dei troppi Kg che ho acquisito nelle feste di Natale.
Per terra c'era tanto ghiaccio e dovevo far molta attenzione per non rischiare di scivolare; unico errore: non ho messo i guanti e alla fine le mie mani erano cianotiche...

[garmin connect 26 dicembre]

Il giorno dopo stesso percorso a ritmo diciamo "medio" fatto un pò più agevolmente ma sempre un tantino faticoso. Clima sempre freddo, attorno allo zero, ma stavolta mi son protetto bene "dalla cintola in su" mentre, a differenza del giorno prima, ho corso con i calzoncini corti ma non ho sofferto il freddo.
[garmin connect 27 dicembre]

Stamattina sono al lavoro, in ufficio c'è freddo perchè il riscaldamento non va.... e si annuncia un cambiamento in peggio del meteo. Facevo meglio a starmene a casa e magari fare una corsetta approfittando delle residue ore di sereno?

venerdì 18 dicembre 2009

Quota ventimila!!!



Solo un piccolo post per comunicare che il mio blog ha riscosso la "curiosità" di oltre 20.000 (ventimila) visitatori!

Vabbè, niente di eccezionale anche perchè pare che almeno metà delle visite siano da attribuire a Gian Carlo ; però direi che è pur sempre una bella soddisfazione.

Ma, mi chiedo, che ci troveranno di così interessante???


giovedì 17 dicembre 2009

16 dicembre: allenarsi con i “top”

Ieri sera alle 20 ho raccolto l’invito di Walter F. e sono andato a fare l’allenamento del mercoledì sera che solitamente vede protagonisti i nostri atleti “top”, quelli per intenderci che viaggiano agevolmente a 4’/Km (e pure meno) anche su distanze lunghe. Io ovviamente non ho la cilindrata adatta a quei ritmi per cui ho sempre evitato di allenarmi con loro, scusandomi per questa defezione. Però l’altra sera Walter mi ha chiesto di andarci anche perché, mi diceva, lui non avrebbe fatto un allenamento tirato in quanto aveva qualche problemino fisico.
Sticazzi” direi! Fatto stà che mi sono recato all’appuntamento e c’erano, oltre a lui, Pierangelo ed Elena. In quattro siamo dunque partiti per fare due giri del percorso Cazzago-Calino con salita dalla chiesa e ritorno dalla zona dietro il campo sportivo dell’oratorio, un bel collinare. Il primo giro son riuscito a tenere il loro passo ed eravamo attorno ai 4’25”/Km mentre al termine del secondo, fatto a velocità un tantino più sostenuta, sono arrivato staccato di circa 30 secondi. Il tempo di riprendere fiato e via per un 2000 a 4’/Km (due giri dell’isolato della “Collina”). Pierangelo ha cronometrato in 8 minuti esatti e, sia pure al limite delle mie facoltà fisiche, sono riuscito a stare in gruppo. Li ho quindi salutati e sono rientrato a casa defaticando. In totale sono stati 12,23 Km in 1.00.56 (media 4’59”/Km).
[dettagli su Garmin Connect]
Faceva freddo, la temperatura era al di sotto dello zero e io, pur bardato con fuseaux e maglia a maniche lunghe e cappello in testa, non avevo messo i guanti. Alla fine le mie mani protestavano vivacemente. Una bella doccia calda però mi ha riportato rapidamente nel mondo dei viventi.
Stamattina, a sorpresa, una leggera e uniforme coltre bianca ha cambiato i connotati del paesaggio: è bella la neve, un po’ meno la prospettiva di mettersi in viaggio… ma questa è un’altra storia!

mercoledì 16 dicembre 2009

13 dicembre: Santa Lucia con un “happy run”

Happy run era il nome della gara di Castenedolo, grosso comune alle porte di Brescia, dove ieri mattina mi sono recato per disputare una gara competitiva del circuito Hinterland Gardesano. Il grosso del gruppo della mia società è invece andato a Gavardo per disputare l’ultima gara di cross della stagione 2009. Con me sono venuti Elia, il figlio di Piero e Claudio Delbarba, mio coscritto e ultimo acquisto della società.

Il cielo è grigio e minaccia…neve? Fa piuttosto freddino e opto per correre con la maglia a maniche lunghe mentre sotto bastano un paio di calzoncini corti.

All’iscrizione ci viene consegnato un bel copricapo da Babbo Natale (io riesco a fatica a far entrare il mio “testone” ma lo tengo molto volentieri anche perché l’aria è ancora piuttosto fresca).

C’è abbastanza gente nonostante sia la mattina di Santa Lucia che qui da noi è il giorno in cui i bambini buoni ricevono i doni. E io sono felice di aver scelto, sfidando le “perplessità” della moglie, di andare a correre anziché stare a casa giocare con i figli perché so che mi sarei lasciato tentare dai troppi dolciumi che coprivano il tavolo della cucina.

Il riscaldamento pre gara lo facciamo accanto… al falò che generosamente gli organizzatori hanno allestito e poi schierati alla partenza veniamo inondati dalla musica a palla che ci dà la giusta carica.

Pronti via, mi assesto su un buon ritmo che cercherò di tenere fino alla fine. Il percorso non è difficile anche se qualche variazione altimetrica la si sente. I primi Km sono su stradine sterrate con qualche pozzanghera e fanghiglia di troppo ma tutto sommato si corre abbastanza agevolmente. Al termine chiuderò i 13, 17 Km (dato Garmin) in 1.01.12 alla media di 4’39”/Km piazzandomi 11° di categoria (se tutto va bene premieranno i primi 10… vabbè l’importante è la soddisfazione morale). Ottima la scelta del pacco gara: oltre al cappellino di Babbo Natale anche una rete di arance… in questo periodo la vitamina C è d’obbligo. Alla prossima!

[dettagli su Garmin Connect]

giovedì 10 dicembre 2009

Maratona di Roma 2010: iscritto!

Stamattina nella mia casella di posta elettronica mi è arrivato questo messaggio:

Caro ALESSANDRO ORIZIO

la tua iscrizione alla XVI Maratona di Roma – 2010 è completa.
Quando ti sarà assegnato il pettorale potrai scaricare la lettera di conferma necessaria per il ritiro consultando la tua area riservata sul sito http://www.maratonadiroma.it.

Cordiali saluti,
Staff Maratona di Roma

Ed ecco cosa mi aspetterà, se arriverò ancora una volta a portare i miei piedi oltre la fettuccia dei 42195 metri:

LA MEDAGLIA 2010: ARTE PER VOI
In una fusione di metallo, la nuova fusione di sport ed arte firmata Nena.
L'artista assorbe l'epopea di Bikila e la reinterpreta. L'etiope trasfigura nell'inconfondibile runner androgino di Nena. Capelli lunghi e lineamenti europei. Ma piedi nudi e 11 sul petto. È il Corridore del Mondo, è bianco e nero insieme, campione e amatore. E' il messaggio di Abebe che innerva la passione di migliaia di maratoneti.
Il tradizionale slogan "Vinciamo ogni discriminazione" assume un significato insieme nuovo e antico: siamo tutti parte della stessa comunità. La pulizia del disegno è un inno alla semplicità liberatrice della corsa. La fattura artigianale dell'oggetto, un'esaltazione dell'unicità.
È la medaglia della Maratona di Roma 2010.
"Chiunque termina la maratona è un vincitore".
Tratto da La Grande Olimpiade, 1961

Sarò un pò sciocco ma devo dire che mi sento emozionato: è una nuova Grande Avventura che inizia.
Forza, vecchio mio, adesso l'unico avversario da battere... sei Tu.

mercoledì 9 dicembre 2009

Se il Melo non produce ci toccano le pere…

Sono imperdonabile... o no?
Mi sono completamente dimenticato che ieri sera c'erano le gare di Champions e, con sorpresa, stamattina mentre in macchina mi recavo la lavoro, ho saputo della terribile batosta juventina. Ancora sono incredulo...
ma sotto sotto me l'aspettavo, quando c'è da tirar fuori gli attributi noi italiani (calcisticamente parlando) ci troviamo "evirati" e così, invece delle magìe del Melo ci ritroviamo con ben quattro pere sul groppone! OK, lasciamo che gli "amati" nerazzurri ridano di gusto, e poi vediamo se stasera rideranno ancor di più.
Ma lasciamo perdere il calcio per carità (anche il Brescia che vuole salire in A ieri ha collezionato l'ennesima figuraccia, e poco importa che l'eroe sia stato il portiere avversario...) e parliamo di corsa.
Festa dell'Immacolata e mattinata passata con la corale per una bella esibizione nella Santa Messa al convento dell'Annunciata a Rovato. Nel pomeriggio, approfittando del cielo sereno anche se a volte soffiava qualche raffica di vento gelido, ho deciso di provare a fare la salita del monte Orfano partendo da casa a ritmo tranquillo (sui 5'15"/Km). E' stata una bella faticata ma tutto sommato ci sono riuscito abbastanza agevolmente fermandomi solo per una sosta di un minuto a riprendere fiato proprio davanti alla chiesa dei frati prima di raggiungere la casetta degli alpini più in alto per poi ridiscendere e tornare verso casa con un ritmo leggermente più alto (poco sotto i 5'/Km).
Credo che rifarò questo allenamento in salita per preparare al meglio la Montefortiana di gennaio.
In totale ho fatto 10,41 Km in 58'21" alla media di 5'36"/Km.
[dettagli su garmin connect]

lunedì 7 dicembre 2009

5-6 dicembre: finalmente...

Finalmente ho ripreso a correre, dopo una settimana di stop. Stop dovuto a circostanze varie:
  • il compleanno (volevo festeggiare con una bella corsa ma appena arrivato a casa "Guarda che stanno arrivando tua mamma e tuo fratello per farti gli auguri, vorrai mica che non ti trovino..." ho dovuto cambiare propositi).
  • la donazione AVIS: giovedì pensavo di fare una corsetta al mattino presto prima di andare a "farmi dissanguare" ma appena aperti gli occhi... ho lasciato vincere la pigrizia e non mi sono alzato ;(
Vabbè, mettiamoci pure un mezzo raffreddore, che per fortuna è passato, e il gioco è fatto. Però sabato pomeriggio e domenica mattina ho approfittato delle giornate serene e mi sono goduto due belle corsette attraverso le colline della mia terra: 16,5 Km sabato alla media di 5'08"/Km e 8,8 Km domenica alla media di 5'04"/Km. I dettagli su garmin connect [sab] e [dom].

Ieri mattina la temperatura era piuttosto freschina e ho infatti incrociato altri podisti e ciclisti tutti ben bardati; io invece ho corso (s)vestito leggero: calzoncini svolazzini e una maglietta a maniche corte con un giacchino antivento smanicato. Non avevo freddo, stavo bene. Ma, mi chiedo, sarà un pò azzardato correre così leggero? Mah... sentiamo i vostri consigli.

mercoledì 2 dicembre 2009

1957-2009 ...ho un anno di più



Ma che cosa è cambiato dopo che ti ho incontrato?

Direi non molto.
Ma che cosa è restato dopo che ti ho amato?
Direi non molto.
Ho un anno di più e qualcosa in meno, tu.
Ho un anno di più e qualcosa in meno, tu.
Ho un anno di più.
Io giocavo a pallone, sono il solito scarpone,
ma ancora gioco.
E per fare impressione, sai che imitavo il pavone,
ancora gioco.
Ho un anno di più e qualcosa in meno, tu.
Ho un anno di più e qualcosa in meno, tu.
Ho un anno di più.
Il mio vecchio editore, l' ho sempre fatto arrabbiare,
lavoravo poco.
Ora è quasi contento, dice che scrivo con più sentimento,
lavoro poco.
Ho un anno di più e qualcosa in meno, tu. ...
Ho un anno di più e qualcosa in meno, tu.
Ho un anno di più.
Ma che cosa è cambiato dopo che ti ho incontrato?
Direi non molto.
Ma che cosa è restato dopo che ti ho amato?
Direi non molto.
Un anno di più, un anno di più... un anno di più...
Ho un anno di più e qualcosa in meno, tu. ...
(Lucio Battisti)

Ma cosa è davvero cambiato dopo che ho incontrato questo bellissimo sport, la corsa, e questa bellissima comunità di pazzi, i bloggers?
Molto, direi, tante cose sono cambiate in me: è cambiato il mio fisico, è cambiato il mio spirito ma l'entusiasmo, quello no, quello è rimasto lo stesso di quando correvo in cortile, ragazzino, dietro a un pallone... sempre avanti, c'è ancora un traguardo che mi aspetta e poi ancora e ancora... finchè quel ragazzino che ho dentro avrà ancora energia e vita!
Grazie a tutti.