lunedì 5 marzo 2012

Cercasi energia.

Continua tra alti (pochi) e bassi (molti) la mia marcia di avvicinamento alla maratona di Roma.
Dopo il lungo di domenica scorsa di 30 Km con il drappello degli amici della Libertas Castegnato, ho voluto replicare ieri, anche se a 15 giorni dalla maratona i giochi dovrebbero già essere fatti e sarebbe ora di iniziare lo scarico. Ma avendo fatto tutta la preparazione “alla Katzen” mi sono ritrovato a constatare che sono molto indietro sia come potenza (velocità) che come resistenza (distanza).
Ieri volevo provare a fare almeno una trentina di Km e ho scelto la corsa non competitiva di Azzano Mella dove mi sono recato abbastanza presto con l’intenzione di percorrere per due volte il giro lungo da 15 Km. Bene il primo giro, un po’ più di affaticamento nel secondo, complice anche il fatto che buona parte del percorso era su sterrato e lungo l’argine del Mella. Arrivato al traguardo avevo ancora un paio di Km da fare per arrivare a 30 ma da un pezzo avevo una bella chiazza insanguinata sulla maglietta dovuta al solito problema dello sfregamento dei capezzoli che avevo protetto con del cerotto che evidentemente si era staccato presto, e così ho concluso a 28 con un po’ di stanchezza di troppo.
Mi si prospetta dunque una maratona che sarà caratterizzata da fatica immensa e prestazione che sarà la peggiore della mia storia podistica, a meno di qualche intervento soprannaturale, ma penso che il buon Dio avrà certamente cose ben più importanti da pensare.
Domenica prossimo concluderò la preparazione (se così si può chiamare) con la mezza di Brescia, 21 Km che farò a ritmo maratona, cioè lenti e senza alcuna velleità agonistica.
Come alibi devo precisare che stò ancora facendo terapia fisica in palestra per sconfiggere la subdola pubalgia che mi ha messo in ginocchio e da cui pian piano stò recuperando, grazie anche all’abilità del mio fisioterapista. Però non riesco a capire come mai faccio così fatica e il correre non mi dà le buone sensazioni che provavo un paio di mesi fa.
Come mi sento? Mah, forse l’ottimismo è un’altra cosa rispetto a ciò che provo adesso….

12 commenti:

  1. A Roma parti lento per non pagare negli ultimi km e arriverai con il sorriso!

    RispondiElimina
  2. 21 a soli 7gg ?. non sono un po' troppi ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 21 sono giusti e li reggo; 42 non sò....

      Elimina
  3. non fare la pazzia di fare 21km la prox settimana. non sei nelle condizioni giuste.
    Ormai devi solo scaricare e arrivare alla gara al massimo del relax... tanto dopo i 30 ci sarà da soffrire, tanto vale essere partiti con un credito di enrgia.
    Occhio che rischi di fare come la Juve ...sempre in testa fino "quasi" alla fine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai che non ti ascolto :)
      e poi saranno 21K ma a ritmo maratona, cioè molto tranquilli.
      E la Juve la date già per morta ma la Juve è la Juve, mica l'Inter (ieri sera la davo già per morta e sepolta ma lassù qualcuno vi ama). Ciaooo.... e prenota per la cena del sabato!!!!

      Elimina
  4. Con i problemi che hai avuto ci credo che la preparazione non sia a buon punto ,quindi visto che farai una gara mirata al solo arrivo al traguardo senza tanto soffrire perchè vuoi arrivarci con le batterie scariche..... non ti piace giocare facile?
    Ci vediamo sabato.

    RispondiElimina
  5. la juve in testa fino alla, quasi, fine l'ha vista solo rb!!! prrrrrrrr
    ma il campionato è ancora lungo cosi come sarà lunga la maratona...
    vai e non pensare a nulla...se non a portare le chiappe all'arrivo! :-D

    RispondiElimina
  6. forza ale hai la testa per fare una buona maratona.riposa e scarica

    RispondiElimina
  7. Segui i consigli di Giancarlo e te la farai tranquillo...

    RispondiElimina

Lasciami un tuo commento, te ne sarò grato.